Un viaggio (low cost) a… Varsavia

Marzo 14, 2021 / Viaggi
Un viaggio (low cost) a… Varsavia

VARSAVIA

Una delle capitali europee da visitare assolutamente. Un mix tra antico e moderno che lascia senza fiato

È vero, in questo momento un weekend all’estero sembra un’utopia, ma vogliamo essere ottimisti e vi proponiamo qualche itinerario low cost per riprendere a viaggiare il più presto possibile. Cominciamo con una visita a Varsavia. La capitale polacca è una meta perfetta da visitare se si hanno a disposizione solo pochi giorni e un budget limitato. Le attrazioni di Varsavia sono tante, ma in tre giorni è fattibile visitare i principali luoghi di interesse. Ecco i consigli per sfruttare al meglio il tempo a disposizione per una breve vacanza nella città di Fryderyk Chopin e Maria Sklodowska-Curie.

Atterrati all’aeroporto di Modlin, la prima cosa di cui preoccuparsi è come raggiungere il centro città. Ci sono due alternative: autobus+treno al costo di 19 PLN in circa un’ora, oppure il Modlin Bus che porta direttamente al centro città al costo di 35 PLN (se prenotate su Internet il costo è leggermente inferiore) in circa 45 minuti. Se optate per questa soluzione, per non rischiare che l’autobus sia pieno, vi consiglio di acquistare prima i biglietti. 1 PLN (zloty) vale circa 22 centesimi di euro.

Varsavia è un mix di architetture e culture. Passato e futuro, est e ovest si fondono alla perfezione tra vecchi casermoni, street art e locali alla moda

In entrambi i casi arriverete in  piazza Defilad dove si trova il Palazzo della Cultura e della Scienza. É un punto di riferimento perfetto ed inoltre, se volete vedere la città da 114 metri di altezza, al costo di 10 PLN potete salire al 30° piano del palazzo. Poco distante, in Ulica Tarda 6, potrete ammirare la sinagoga di Nozyk, ad oggi una delle poche rimaste. L’edificio è in stile neoromano.

La città è divisa dal fiume Vistola; vi consigliamo di trovare una sistemazione dalla riva destra del fiume, nella zona di Plac Deilad o verso la città vecchia.

style&sportIl Centro Storico, patrimonio dell’Unesco, è davvero affascinante con le sue case colorate e i suoi vicoletti. L’itinerario che vado a descrivervi, da fare a piedi, vi impegnerà tutto il giorno per cui consiglio di partire almeno a metà mattinata in quanto i palazzi da visitare chiudono alle 18 e di considerare questo giro nella giornata intera che avete a disposizione, per cui non quello di arrivo o di partenza.

Partiamo dalla città vecchia per vedere molte attrazioni: la casa natale di Marie Curie in Ulica Freta 16 ora sede del Museo dedicato alla scienziata, il Barbacane, un bastione fortificato semicircolare munito di torri, unica parte rimanente della complessa rete difensiva che un tempo circondava e proteggeva la Città Vecchia. Il complesso originale risale alla metà del ‘500, mentre quello attuale è stato ricostruito dopo la guerra utilizzando mattoni di edifici storici demoliti in altre città polacche.

La birra (piwo) a Varsavia è cultura. Un Pub con trenta spine o un ristorante col furgoncino PilsnerUrquell all’ingresso dicono tutto. Se siete appassionati…

style&sport

Degna di visita è la piazza del mercato con al centro la statua della Sirena, simbolo della città. In inverno, intorno alla statua, è allestita un’originale pista di pattinaggio. Arrivate poi alla piazza del Castello, Plac Zamkowy, dove al centro si trova la statua di Re Sigismondo III Vasa. Fu fatta erigere da Re Ladislao IV in onore del padre che fece trasferire la capitale della Polonia da Cracovia a Varsavia. Da qui proseguite per la Strada Reale che collega le tre residenze dei governanti polacchi: il Castello Reale, il Lazienki Królewskie e il Palazzo Wilanów. Procedete lungo viale Krakowskie Przedmiescie, strada pittoresca dove potrete ammirare bellissimi palazzi e chiese tra cui la basilica della Santa Croce.

style&sport

All’inizio del XIX secolo la monumentale cattedrale barocca era la più grande e importante chiesa cattolica di Varsavia. Oltre che per ammirare il sontuoso altare maggiore, le sculture e i dipinti di varie epoche, merita una visita anche perché è il luogo in cui è custodito il cuore di Chopin, l’unica parte del corpo del musicista che è stata riportata in patria, quasi un secolo dopo la sua morte in Francia. Per volontà del musicista, l’organo, deposto in un’urna è stato murato all’interno di una colonna. Di fronte alla chiesa, in Plac Kopernica, si trova una delle molteplici panchine multimediali installate nel 200° anniversario della nascita di Chopin. Vi basta premere il pulsante e… 

 

 

style&sport


Cultura da non perdere

Museo dell’Insurrezione di Varsavia

Tra le cose da vedere a Varsavia, questo museo interattivo all’avanguardia racconta, attraverso audio, video e fotografie la ribellione polacca contro l’occupazione nazista del 1944. Una ricostruzione coinvolgente di uno degli episodi più drammatici della storia della città.

Indirizzo: Ul. Grzybowska 79

Museo Polin

L’allestimento di questo museo è un suggestivo viaggio lungo mille anni, dai primi insediamenti ebraici in Polonia 

ai giorni nostri.

Indirizzo: Ul. Anielewicza 6

Museo di Chopin

Si trova nello storico Palazzo Ostrogski, Vi è anche esposto il pianoforte del compositore oltre a manoscritti e composizioni musicali.

Indirizzo: Ul. Okólnik 1


Abbiamo prenotato il volo su: RYANAIR.COM – Abbiamo prenotato l’alloggio su: BOOKING.COM

•TESTO E FOTO MANUELA CAVIGLIA

Leave a Comment

*Required fields Please validate the required fields

*

*